Affinity Photo – Le migliori App per il fotoritocco su iPad

Affinity Photo è uno dei migliori strumenti di fotoritocco veramente professionali disponibili per iPad. Con l’app è possibile aprire, modificare e salvare i file PSD di Photoshop e scegliere da un’enorme libreria di pennelli per dipingere e disegnare.

Comprende anche il supporto delle immagini a 360 gradi e la fusione panoramica con correzioni e regolazioni della luce. Ma non è gratuita. Per installare l’app su iPad Pro, iPad Air 2 e iPad (i vecchi iPad non sono supportati) saranno necessari 21,99 euro. Ma sono soldi ben spesi.

Affinity Photo offre pieno supporto per livelli illimitati, gruppi di livelli, filtri livelli e maschere, ridimensionamento di livelli, modifica di filtri, effetti, metodi di fusione e maschere non distruttive, oltre all’elaborazione professionale delle immagini.

Ciò include il caricamento di immagini non elaborate, la correzione di correzioni quali esposizioni e luci, il recupero di dettagli modificando lo spazio colore lineare illimitato, correzione avanzata dell’obiettivo, Fusione unione, Unione di HDR e mappatura dei toni e naturalmente, un’enorme quantità di effetti.

Ritocca i volti, i capelli, la pelle e i corpi con i pennelli di selezione. Rimuovi oggetti indesiderati e occhi rossi, applica la correzione della prospettiva a piano singolo e doppio piano.

In termini di pennelli, una vasta libreria tra cui dipingere, miscelare, affinare e annullare i pennelli o creare i tuoi pennelli personalizzati. Lavorare con tutti i formati standard su più piattaforme, come iOS, macOS e Windows.

Affinity ha progettato l’app per funzionare in modo efficiente anche con immagini di grandi dimensioni, rendendola sensibile alla pressione, all’angolo di inclinazione e all’angolazione, in modo da poter utilizzare anche la tua Apple Pencil, per non parlare della completa integrazione con iCloud.

Share

Le migliori App per il fotoritocco su iPad

Dopo l’arrivo del nuovissimo iPad Pro 12.9’ la mia ricerca di app per la correzione fotografica di è spinta al punto da poterne prendere in considerazione più d’una.

Per questo motivo, in attesa del Natale, da domani e per i prossimi dieci giorni passerò in rassegna le migliori 10 app per iPad presenti sul mercato.

Buona lettura!

Share

La nuova mirrorless Canon EOS R

Anche Canon, secondo le indiscrezioni trapelate in rete, starebbe per entrare nel settore delle mirrorless Full Frame. Il nuovo sistema, chiamato EOS R, non potrà montare direttamente le lenti EF ma attraverso un adattatore.

Eccole le principali caratteristiche che se ne deducono:
Sensore: 30.3 megapixel utili
Tipo di immagine: JPEG, RAW (14 bit), C-RAW
Mirino elettronico: OLED
Pannello LCD: 3.15″ da 2.1 milioni di punti, touch screen
Punti di autofocus: 5,655 points
Gamma autofocus: EV da – 6 a 18 stop
Sensibilità ISO: da 100 a 40000 (estesa: da 50 a 51200-102400)
Velocità otturatore: da 1/8000 a 30 secondi, posa bulb
Raffica: fino a 8 fotogrammi al secondo (con autofocus continuo AF: fino a 5 fotogrammi al secondo)
Video: 4K 30p, full HD 60p, HD 120p
Batteria: LP – E 6 N / LP – E 6 (LP – E 6 non può essere ricaricata via USB)
Supporto di memoria: SD / SDHC / SDXC card
Autonomia della batteria: 370 scatti standard di misurazione CIPA
Dimensioni: 135.8 x 98.3 x 84.4 mm
Peso: 660 grammi con batteria e SD card

Quindi, una sola macchina e non due: questo vorrebbe dire che Canon ha deciso di non seguire pedissequamente la strategia Sony (come fatto da Nikon), che prevede un macchina intorno ai 20-25 megapixel e una a risoluzione quasi doppia, intorno ai 40-45.

Una delle notizie più attese riguarda il supporto di memoria: Canon ha optato per l’SD in tutte le sue declinazioni, contrariamente alla discussa decisione di Nikon di suppportare solo le più performanti ma più costose XQD. Un’altra informazione riguarda l’autonomia secondo gli standard CIPA: ci si assesta a 370 scatti, non distante dai 330 dichiarati da Nikon per la Z. Anche se va detto che lo standard CIPA non rappresenta l’autonomia ottenibile nell’uso reale, che è più alta.

Credits: dday.it

Share

PaintX per Final Cut Pro X

PaintX by Mocha è uno strumento unico veloce e potente per la correzione rapida di tutti i tipi durante la finitura della modifica. Rimuove le imperfezioni della pelle, elimina gli oggetti indesiderati come linee elettriche o antenne, applica il trucco digitale o ripara i video danneggiati. In tutti i casi è facile come disegnare, quindi premere un pulsante per utilizzare il potente tracker Mocha vincitore del premio Oscar per far sì che il tratto di vernice segua il movimento nel video.

  • Ogni tratto è modificabile dopo essere stato creato
  • Vernice video completamente non distruttiva con annullamento illimitato
  • Il pennello clone tracciato risolve una moltitudine di problemi comuni in pochi secondi
  • Tracker moka integrato accessibile con un solo pulsante
  • Più tracce in un plug-in, a ogni tratto può essere applicata una traccia diversa
  • Copia i dati della traccia di incolla da un tratto all’altro per applicare effetti diversi con gli stessi dati di traccia
  • Salva e ripristina forme e dimensioni predefinite del pennello
  • Eseguire facilmente attività che altrimenti comporterebbero la preparazione di immagini in editor di immagini esterne

 

Si acquista direttamente dallo store ufficiale CoreMelt.
È disponibile Free Trial Download.

Share

SEGWAY NINEBOT ES2

La prova su strada di Ninebot ES2 di Segway. Imperdibile la prova, imperdibile Ninebot.


FOLLOW ME @
BLOG www.stefanogiambellini.it
TWITTER http://twitter.com/SteGiambe
INSTAGRAM https://www.instagram.com/stea4/

Many thanks to SteGre® for the magica experience with his ES2. I appreciate. A lot.

Music

SAND CASTLE
by The Green Orbs

WHILE YOU WORK IT
by Dan Lebowitz

TIPTOE OUT THE BACK
by Dan Lebowitz

STAND UP
by Norma Rockwell

BIKE RIDES
by The Green Orbs

Share

OSMO Mobile 2

È in arrivo il nuovo OSMO Mobile 2 ed essendo un felice possessore di Osmo Mobile, non vedo l’ora di mettere le mani sull’aggiornamento di questo stupendo stabilizzatore per smartphone.
Comandi ridisegnati e semplificati per l’uso con una sola mano e trigger zoom fluido e cinematico aggiunto sul lato sinistro.
Possibilità di filmare in verticale (buuuuu!) e aggancio vite alla base che sostituisce l’apertura del vano batteria: quest’ultima è radicalmente modificata e porta l’uso continuo da 4 a 15 ore e alimenta direttamente il telefono attraverso una nuova porta USB.

DJI Osmo Mobile 2 è più leggero e i comandi sono più pratici.
Sarà disponibile dal prossimo 23 gennaio su Apple Store e da febbraio su DJI Store all’incredibile prezzo di 129 dollari (attualmente non è dato sapere il prezzo in euro).

Per maggiori info -> DJI OSMO MOBILE 2

Share