Adobe Photoshop Express – Le migliori App per il fotoritocco su iPad

Un’altra app gratuita di Adobe, Photoshop Express è progettata appositamente per iPhone e iPad. Mira ad essere uno strumento di modifica veloce e semplice per chi è in viaggio. Molti utenti usano Photoshop Express per ritoccare le foto scattate su iPhone o iPad e per creare collage dall’aspetto professionale.

L’app gratuita è ideale quando si ha bisogno di strumenti di base per l’editing di foto che offrano qualcosa di un po’ più professionale rispetto a VSCO e Instagram, come il ritaglio, l’auto-correzione, la rimozione delle imperfezioni, l’aggiunta di correzioni come contrasto ed esposizione e l’uso di filtri.

È possibile importare e modificare foto in formati raw, creare immagini watermark e condividere facilmente su Facebook, Twitter, Instagram e WhatsApp. Nell’ultimo aggiornamento di Photoshop Express sono stati aggiunti nuovi aspect ratio per Facebook, YouTube e Pinterest, utili per i freelance o per chiunque debba aggiornare i propri profili sui social media. I nuovi rapporti includono la copertina della pagina di Facebook, la copertina dell’evento di Facebook, l’annuncio di Facebook, l’intestazione di Twitter, la miniatura di YouTube, la testata del canale di YouTube e altro ancora.

Analogamente a Photoshop Express, Adobe offre app gratuite Photoshop Mix (per ritagliare e combinare elementi da immagini diverse) e Photoshop Fix (modifica delle caratteristiche del viso).

Share

Adobe Photoshop Lightroom – Le migliori App per il fotoritocco su iPad

Adobe Lightroom per iPad / Mobile è un’app gratuita che può essere utilizzata sul telefono o tablet e probabilmente è una delle migliori app disponibili per l’editing di foto e video. Ma poiché si tratta di una funzionalità di Adobe, se non si è membro di Creative Cloud si dovrà pagare per alcune delle funzionalità più utili all’interno dell’app, quindi è preferibile utilizzare questa app se si è già membri o se ci si iscrive ad una prova gratuita.

Fondamentalmente Lightroom funge da servizio all-in-one: è possibile scattare foto, elaborarle e modificarle con le funzionalità raw HDR.

A seconda delle abilità fotografiche, si potrà scegliere tra aggiustamenti e correzioni avanzate alle regolazioni locali, che consentono di applicare esposizione, luminosità, chiarezza e altro (questa è una funzione a pagamento).

Oppure scegliere di scattare foto (formato file DNG) con la fotocamera in-app usando cinque impostazioni predefinite che possono essere applicate in cattura e poi regolate in seguito, oppure importare, modificare e sincronizzare le foto non elaborate dalla propria fotocamera su tutti i dispositivi (ad esempio Lightroom su Mac), tuttavia quest’ultima è una funzione a pagamento.

Da lì è possibile modificare le foto e condividerle su tutte le principali piattaforme social.

Share

Taglia e cuci.

Tracking tra Photoshop e After Effects. Più che un test, un semplice esercizio di stile…





Share

Col cubo per aria!

Il test di oggi ha visto un cubo di vetro fluttuare sopra la mia mano. Una piccola magia di After Effect e Cinema 4D su una clip di iPhone 6 plus. 😉





Share

Keynote

Scrivo questo post dopo aver visto questa splendida animazione di Linda Dong.





Ho sempre apprezzato l’App Keynote di Apple per la sua semplicità d’uso e la qualità delle animazioni. Ma credo di essere semplicemente il numero 9.427.332 al mondo ad avere questa opinione. È un software non più giovanissimo ma in costante aggiornamento e negli ultimi anni la percezione che si sia fatto ampio spazio anche tra gli utenti “powerpoint” più incalliti è una palese realtà.

Mi capita di utilizzarlo, spesso per quei clienti che chiedono di dare alle loro presentazioni quel “tocco d’animazione” in più.
Pochi però immaginano che Keynote è di fatto lo strumento ideale per realizzare veloci storyboard e clip d’animazione prettamente grafiche.
Ricordo ad esempio d’averne fatto abbondante uso un paio d’anni fa per la realizzazione della clip per Quelli della Pizza: anziché impazzire tra i keyframe di Motion, ho pensato bene di utilizzare Keynote nella fase preliminare, creando così un’animazione semplificata ma che rendesse l’idea di cosa avessi in mente, poterla presentare al cliente e una volta confermata, passare tutto in pasto a Motion per la versione definitiva.

È ovvio che Motion, After Effects & Co. hanno 10 marce in più, nessuno discute sulle loro peculiari qualità d’animazione. Ma usare Keynote significa spesso un ottimo risultato e un minimo sforzo in termini di risorse e tempo.

Keynote è disponibile per Mac a €19,90 su App Store. Gratis per iPad e iPhone. La versione web per iCloud è disponibile anche su piattaforma Windows.

Share